Il Nome della Rosa

   HOME PAGE

   PHOTOBOOK

   ARCHIVIO NEWS


Mailing List
Iscriviti alla mailing list di
IL NOME DELLA ROSA!


Il tuo nome:


La tua email:


Autorizzo il trattamento dei miei dati personali ai sensi della L.196/03
Voglio essere rimosso dalla mailing list!


NARRIAMOCI 2017 - Racconto secondo classificato ex aequo
Giulianova, 25-05-2017

 Circolo virtuoso Il nome della Rosa

Giulianova Alta, Via Gramsci 46/a

 

Info Line 338/9727534

 

Sabato 29 aprile ORE 21,30

READING

“NARRIAMOCI”

Reading conclusivo dei partecipanti al corso di

“Scrittura creativa - Cedi le redini"

 

 Racconto secondo classificato ex aequo

“A lavoro finito”

Luciana DI PIETRO

 

Un forte vento soffia implacabile, staccando in modo deciso le foglie dagli alberi. Issor altero e superbo, davanti alla finestra, le guarda con attenzione mentre volteggiano prima di cadere in terra. Pensa. Un tempo osservava, a lungo e allo stesso modo, gli esseri da lui generati e se ne compiaceva vedendoli uguali agli umani, fra loro integrati e perfettamente irriconoscibili.

Non sa che sono qui.

Issor mangia. Il vento raddoppia la sua forza con un fragore fastidioso e incessante. Prima che l’umanità sparisse completamente, egli ha saputo reinventarsi, ripiegando sulla teoria dell’adattamento, rivelatasi da sempre fondamentale per la conservazione delle specie e si è adeguato alla nuova situazione per sopravvivere. Lasciati da parte i cervelli, mollicci e saporiti, sua unica passione, è passato alla carne umana e animale, non ha disdegnato il sapore del sangue. Ma, stasera, dopo aver banchettato con l’unico corpo rimasto sul pianeta, maledice la sua condizione di Essere pensando che, fra qualche tempo, morirà inevitabilmente di inedia e di noia. Nato tra gli uomini con un DNA unico, longevo e pericoloso, ora ricorda quando, giovane adolescente, ha manifestato per la prima volta la sua crudele natura contro il padre e la madre. Un ghigno di soddisfazione e di orgoglio si dipinge sul suo volto.  Nella sua mente si susseguono le lunghe tappe della sua vita: immagini di numerose vittime e della sua progenie anch’essa estinta.  La disperazione della fine che lo attende gli attanaglia il petto.

Non sa ancora che sono qui. Issor, con la sua figura eretta, i lunghi capelli bianchi, lo sguardo vitreo e ruggente, è vissuto tra la gente del mondo per più di un millennio. Ha ricevuto nella spirale del suo DNA la capacità di riprodursi per imprimere, in altri Esseri la sua essenza, con loro ha divorato, nel tempo, l’intera umanità che non è riuscita a sconfiggerlo.

E’ notte inoltrata, triplicando la sua potenza il vento piega gli alberi quasi a metà, ma Issor non dorme, pensa al destino che vuole annientarlo. Si chiede perché, alcuni secoli fa, la sua stirpe si sia dimostrata irreversibilmente sterile e mediamente longeva, conservando come unico aspetto, del DNA originario, un grande e infinito appetito . Per il tempo che è durata, la sua progenie si è cibata di umani, insetti e animali senza regole nè pietà fino a che non si è ritrovata nell’ impossibilità di restare in vita per la scomparsa dell’unica fonte della sua sopravvivenza. Nessuna speranza di perpetuare la famiglia perché, contrariamente agli umani, i figli di Issor erano eredi di un muto codice etico, che non consentiva l’uccisione dei propri simili. La questione, quindi, si è risolta con l’estinzione generale, che ha lasciato posto al silenzio, perfetto contraltare dell’inizio fragoroso e superbo del big bang. Solo Issor è rimasto

Non sa che adesso sono qui

Il vento che ha ormai schiantato tutti gli alberi all’improvviso lascia il posto a un gigantesco tornado che procede ingoiando tutto. Issor ne è ipnotizzato, lo guarda fisso. Mentre il gigantesco vortice gli si avvicina è certo della fine che lo attende, e in piedi, vicino gli alberi caduti aspetta. I suoi lunghi capelli si dispongono in una bianca raggiera. Issor ora è parte del turbine, ma non è ancora arrivata la fine.

Io sono qui. Non morirai Issor, ti trasformerai e vivrai Il tuo corpo che ora si spacca, dona vita e si mescola a una nuova energia. E’ tempo di una diversa esistenza.  Dopo la distruzione del genere umano, spazzane via le vestigia, gli orpelli, gli inutili simboli.

Ora sai che sono qui e mentre attendi ligio al compito assegnato sento la tua voce gridare: “Quanto manca al nostro incontro?”

“Non lo so ancora Issor, mi vedrai soltanto a lavoro finito”


Il nome della Rosa


LINK UTILI

Artemia Edizioni
www.artemiaedizioni.it

Associazione Gaetano Braga
www.assoculturalebraga.it

Cristian Palmieri - Foto
www.photopalmieri.it

Fabio Perletta Sound Artist
www.fabioperletta.it

Giulianova Belvedere
giulianovailbelvedere.it

Giulianova news
www.giulianovanews.it

Il sito di Rino Rossi
www.rinorossi.it

Infinito Edizioni
www.infinitoedizioni.it

Itinerari teramani
www.onlyteramo.com

Jazz Convention
www.jazzconvention.net

L & L Comunicazione
www.lelcomunicazione.it

La ricerca del luogo della mente dove...
www.minuslog.it

Libreria Alibabook
www.alibabook.it

Loop music store
www.loopmusicstore.com

L'Abruzzo che fa notizia
www.cityrumors.it

L'Aquila per la vita
www.sctf.it

L'ecoblog di Giovanni Ianni
ecoblog.ecopagliare.it

Minus.log
www.minuslog.it

Movimento popolare "Senza padroni"
www.senzapadroni.it

Noam Arp
www.noam.it/aboutlife

Riserva del Borsacchio
borsacchio.blogspot.com

Roseto.com
www.roseto.com

Scacchi & Musica
cessradio.blogspot.it

Starslugs
www.starslugs.blogspot.it

Teramo web TV
www.teramoweb.it

UsAuto Magazine
www.usautomagazine.it

Valle delle Abbazie
www.valledelleabbazie.it

WWF Teramo
lagramigna.blogspot.com

  Copyright © "Il nome della rosa"
  Powered By PlaySoft  
Cod. Fiscale 91031210676 - Via Gramsci 46 bis - Giulianova Paese (TE) - Info Line 338.9727534 - info@ilnomedellarosa.com